Solo perché il movimento per i diritti degli animali bianchi non ci riconosce, non significa che non esistiamo. L’ho fatto apposta in modo che si veda chiaramente, senza ombra di dubbio, che esistono almeno tre significati diversi, altrimenti sarebbe semplicemente “Tutti gli umani sono animali”. Eri bella, e quanto ti è costato! Le persone bianche possono aiutarci sostenendo economicamente e nelle necessità concrete i movimenti di attivist* vegan* appartenenti alle categorie oppresse che non hanno la stessa visibilità delle organizzazioni bianche, piuttosto che cercare di convincere queste persone a unirsi alle loro organizzazioni, un progetto completamente diverso di appropriazione culturale. Ma la realtà è che ogni singolo membro della classe dominante ottiene benefici dal lavoro gratuito degli schiavi a tutti i livelli della società, per il semplice fatto di non poter evitare di consumare prodotti derivanti dalla schiavitù, o di beneficiare dello sfruttamento del lavoro schiavistico. Sono troppe le occasioni in cui ho visto gruppi vegani twittare frasi come: “Le vite nere contano più delle vite dei polli o delle mucche… a quanto pare”. La percezione che si tratti di una malattia dei jet-setter, o di una malattia degli “spring breaker” o di un “virus cinese”, come al presidente Trump piace ripetere, deve essere abbandonata. Partendo da questo caso come esempio, Crenshaw sostiene che l’esperienza delle donne nere non era contemplata dalla legge, e che la loro particolare intersezione di identità era visibile agli occhi della corte solamente in maniera distorta e letta attraverso le esperienze di donne bianche o uomini neri. C’è una buona ragione dietro all’esistenza di questi termini, e un’ottima ragione per non confonderli, come dimostrerò più avanti. C’è voluto lo sforzo congiunto di persone nere e bianche – durato un centinaio d’anni – per realizzare programmi come Affirmative Action negli Stati Uniti, ma è bastato un solo uomo bianco (Alan Bakke) e un solo caso giunto alla suprema corte per smantellare quei programmi sulla base dell’idea di costui di non essere stato ammesso alla scuola di medicina per via del suo essere bianco. Uno in particolare annota: “Peso ideale 48 chili. Quindi sì, ero decisamente poco coinvolta nel movimento vegano, ma mi sono sentita sempre molto coinvolta a livello intellettuale, per lo più parlando con le altre persone. ‘Supporre che gli animali siano entrati per la prima volta nell’immaginario umano come carne o cuoio o corna significa proiettare un atteggiamento del XIX secolo all’indietro attraverso i millenni’, scrive Berger. Non è cibo, è violenza.” Allo stesso modo, la filosofa catalana e attivista femminista vegana Catia Faria, sottolinea che “il sessismo e lo specismo sono forme di discriminazione ugualmente ingiustificabili, ed entrambe si manifestano con simili schemi oppressivi di gerarchia e dominio”. La scorsa settimana, il Detroit News ha comunicato che “almeno il 40% delle persone uccise finora dal nuovo coronavirus in Michigan sono nere, una dato che supera di gran lunga la percentuale di afro-americani nella regione e nello stato di Detroit”. Latte. La supremazia bianca è radicata in un progetto peculiare per cui solo alcuni esseri umani sono “persone”, e tutti gli altri esseri viventi non valgono nulla, ed esistono per servire le “persone”. Sfortunatamente, capita sovente che i gruppi oppressi siano incapaci di comprendere di non essere gli unici corpi ad essere oppressi, e qualsiasi stimolo a rivolgere l’attenzione su altri oppressi viene immediatamente accolto con rabbia e frustrazione. I rapporti di potere sono così radicati che alcune femministe non si sentono a proprio agio in determinati luoghi, attività, ecc. Immagino che il meglio che posso dire sia che sono diventata vegana perché non voglio essere il tipo di persona che non batte ciglio di fronte a quello che accade quotidianamente agli animali: a parte questo non ho alcun altro motivo. I libri di cucina. Capre bianche. Confrontare l’oppressione dei neri e la schiavitù con il trattamento e l’oppressione degli animali non è soltanto estremamente insensibile, razzista e disumanizzante nei confronti dei neri, ma crea anche un’atmosfera di sfiducia nei confronti della genuinità della lotta contro l’oppressione. Le autorità federali, come l’Health and Human Services Office of Civil Rights, devono difendere l’uguaglianza degli americani disabili, anche in questa occasione. Pub Cocktail Caffetteria Stuzzicheria Birreria Non sapevo davvero cosa fosse, ma non appena ho cominciato a capirlo, ho pensato “Sono io!” Dirti perché, invece… è una domanda difficile. Pensavo che avrebbero fatto mille storie e invece mio padre mi ha dato un libro di Plutarco, un antico filosofo, e di Porfirio: era il suo strano modo di dire “ci sono persone che la pensano come te”. Li abbiamo guardati negli occhi e loro hanno guardato noi. L’attivismo non è comodo, e i movimenti per la giustizia sociale devono essere permeati da una maggiore empatia. E un bacio sulla guancia non sarebbe completamente fuori luogo. Ed ha ragione. Il  veganismo nero si oppone in modo deciso  alla supremazia bianca perché fa qualcosa di radicale, supera le categorie razziali e va alla vera fonte del problema. https://www.facebook.com/ilBodyDiCristo FUORI LUOGO fuori luogo in ogni luogo in ogni situazione in ogni contesto in ogni occasione fuori luogo contesto… Sono le loro uova, non le nostre. È importante riconoscere la differenza, è importante essere solidali. AA: Un’ultima domanda: qual è il tuo posto vegano preferito? Le linee guida di redistribuzione delle risorse, emesse recentemente dal Medical Center dell’Università di Washington, sostengono che sia sensato “dare la priorità alla sopravvivenza dei pazienti giovani e sani rispetto a quella dei pazienti più anziani e cronicamente debilitati”. In senso ampio, una parte dello spazio, idealmente o materialmente circoscritta: Dio è in ogni luogo; con limitazione simbolica: luogo di salvazione, luogo di purificazione, luogo di pena, rispettivam. Ma abbiamo notato da subito che esisteva un divario evidente tra noi e le altre. Abbiamo fatto un funerale per il gufo e ricordo che mio padre pianse per una settimana. Primo, che ha un luogo di dimora specifico e, secondo, che è una persona, non semplicemente una forza indefinibile che risiede in ogni luogo. L’esistenza dei disabili non anziani, un gruppo sempre più preoccupato per la propria vita, non viene riconosciuta. ogni-luogo-mi-ricorda-di-te. Non mi sembra che il movimento bianco per i diritti animali bianchi abbia fallito nell’includere le persone non bianche perché ciò presupporrebbe che in primo luogo si prefiggesse di accoglierle, cosa che non ha fatto. Perché attraverso di te ho conosciuto la norma eteropatriarcale in tutta la sua forza, e questo ha distrutto per sempre il nostro rapporto. E’ cruciale conservare la distinzione tra i tre termini enunciati più sopra, perché altrimenti le persone bianche tendono a ridefinire la “discriminazione” come “razzismo”. Oltre alla disonestà intellettuale nei confronti di Crenshaw e del pensiero e l’attivismo femminista nero, il danno maggiore compiuto dall’esproprio liberale bianco dell’intersezionalità verso una semplice “teoria dell’esperienza” consiste nel rifiuto di interrogare il potere istituzionale. Alcune persone oppresse hanno difficoltà ad ammettere di essere agenti oppressivi di altri soggetti. da ogni luogo. Nonostante il fatto che le/gli schiav@ furono liberat@ dal Proclama di Emancipazione, e che il quattordicesimo emendamento ha dato alle/gli Afroamerican@ il diritto di voto, le strutture istituzionali del razzismo non sono state rovesciate. Questi sono alcuni dei motivi per cui il veganismo tradizionale diventa inaccessibile alle persone di colore e in particolare ai neri, incoraggiando così la creazione del movimento del Veganismo Nero. Sempre fuori luogo, estraneo, alienato in ogni contesto. Non vedo la mia esclusione dal movimento come accidentale. Le linee guida cliniche italiane stabiliscono che “la presenza di comorbilità e lo stato di salute generale” vengano prese in considerazione per decidere come assegnare le risorse, in quanto “una progressione relativamente veloce nei pazienti sani potrebbe diventare più lunga – e quindi consumare maggiormente le risorse del sistema sanitario – nel caso di pazienti anziani, fragili o con gravi comorbilità”. luogo - translate into English with the Italian-English Dictionary - Cambridge Dictionary D’altra parte, l’attivismo antirazzista spesso rifiuta di riconoscere la violenza patriarcale e può riprodurre l’oppressione delle donne nelle sue azioni e soluzioni proposte. Fuori luogo in ogni luogo. E poi: azione! Ad esempio, le disposizioni sulla frode coniugale contenute nella Immigration and Nationality Act richiedevano che una persona immigrata negli Stati Uniti per ricongiungersi con un coniuge “rimanesse ‘correttamente’ sposata per due anni prima di richiedere lo status di residente permanente” (“Mapping”, pagina 1247). La composizione della popolazione vulnerabile di una società varia da paese a paese, ma in America la vulnerabilità si interseca potentemente con razza e povertà. L’idea che questo virus colpisca chiunque senza eccezioni è falsa. . Il veganismo nero per le autrici dell’intervista. Questa riflessione è iniziata quando alcune del  gruppo, che sono anche studenti, hanno ammesso di non ritrovarsi nel femminismo accademico. Over 100,000 English translations of Italian words and phrases. Prigioniere”. A quali progetti lavorerai nel prossimo futuro, e quali questioni sono prioritarie per te? Invece la parola “animali” può essere usata per riferirsi ad esseri che non sono membri della specie Homo sapiens, o in modo “sociale”, ovvero non riferendosi all’appartenenza biologica, ma indicando qualcosa del tuo status. Formaggi che vengono portati alla bocca. Ironia della sorte, ci sono femministe che gridano “il personale è politico” ma non si rendono conto che il cibo che consumano è il prodotto di un sistema di oppressione gigantesco. I movimenti per la giustizia sociale sono tremendamente compartimentati, sebbene la parola più alla moda della nostra generazione sia “intersezionalità”. Di fronte a questa evidenza, prima di esplorare la teoria dell’intersezionalità di Crenshaw, credo che, in quanto donna bianca, debba iniziare il mio discorso identificando chiaramente cosa non sia e non possa essere per me l’intersezionalità. La comunità universitaria è speciale. SK: Penso che il veganismo mainstream abbia un’esperienza molto diversa delle parole umano e animale. In generale, credo che attualmente ci troviamo di fronte una gigantesca falla a livello teorico. Instagram: vanessaleonori | Home| Chiedimi qualcosa e ti regalo una caramellina :3 | Archivio. Sono curioso di sapere quello che pensi dello stato attuale della critica femminista nel cyberspazio e nella società in generale. bab.la non è responsabile per il loro contenuto. Sembra perfetto Bahhhh, non voglio. Le nostre strategie di lotta dovrebbero essere ispirate le une alle altre e complementari, non il contrario. La tua domanda naturalizza la bianchezza come norma, ragion per cui la trovo problematica! In quanto disabile, ho lottato per esistere con le unghie e coi denti da quando sono nata. out of place : Le tue frasi sono fuori luogo in un contesto come questo. L’ho fatto apposta in modo che si veda chiaramente, senza ombra di dubbio, che esistono almeno tre significati diversi, altrimenti sarebbe semplicemente “Tutti gli umani sono animali”. Quando è successo, e quali fattori hanno influenzato la tua decisione di smettere di prendere parte allo sfruttamento degli animali? Ricordo quando uscivi a cena: quasi sempre, tornata a casa, vomitavi. Crenshaw si preoccupa, quindi, del fatto che la pratica femminista e la pratica antirazzista spesso procedono come se il gruppo di identità che rappresentano fosse monolitico e che la classe più privilegiata, ad esempio le persone che subiscono il sessismo ma mantengono privilegi bianchi o le vittime di razzismo che però mantengono il privilegio maschile, è considerato lo standard. L’adozione di tale approccio sarebbe un errore. Dopo aver letto l’articolo di Aph e aver visto la prima stagione della webserie Black Feminist Blogger, sono sceso nella tana del Bianconiglio. Follow. Cosa vedi? Evito la tua casa il più possibile, perché lì sei dappertutto e io mi sento soffocare, come tanti anni fa. Originale qui grazie a DjVorrej Yudora e Rachele Borghi per averlo condiviso. ig: vanessaleonori. Parte dell’attivismo considera l’attuale movimento per i diritti degli animali come un movimento bianco, e continua a dedicarsi al nostro attivismo senza lottare per un posto al tavolo bianco. Il mantenimento del principio di non discriminazione non richiede agli ospedali di curare coloro che morirebbero comunque. Consentire la discriminazione nei confronti dei disabili, anche quando le risorse scarseggiano, è semplicemente sbagliato. Se tocchi le persone per vivere perché ti occupi di cura degli anziani o dei bambini, se gli tagli o acconci i capelli, se pulisci i loro appartamenti o cucini il loro cibo, se guidi le loro auto o costruisci le loro case, non puoi farlo da casa. La genealogia in cui si inserisce Felipe passa dall’ecofemminismo di Françoise d’Eaubonne degli anni settanta, alla politica sessuale della carne di Carol Adams degli anni Novanta, all’interconnessione di femminismo e antispecismo, in un parallelismo tra animali usati per il cibo e donne usate come oggetti sessuali. Testo del Montreal Sisterhood dalla fanzine Casse Sociale (maggio 2015, edita da RASH-Montreal). Tuttavia, parlo principalmente delle migliaia di persone che possono diventare vegane, ma non lo fanno). luògo (pop. I libri di inglese. Questo è quanto affermo di fronte a quei Democratici e Progressisti che utilizzano tale termine – non solo stanno usando un termine sbagliato, ma stanno aiutando i propri avversari politici. La sua star, per così dire, è Gunda, una prodigiosa scrofa di età incerta che, all’apertura del film, ha appena dato alla luce una cucciolata di una dozzina di maialini. Non solo le donne di colore sono trascurate, ma la loro esclusione è rafforzata quando le donne bianche parlano per e in quanto donne. Il geologo e divulgatore Mario Tozzi nella puntata di Fuori Luogo in onda lunedì 22 agosto in seconda serata, sarà in una terra antica, meravigliosa ma anche fragile, l’Alta Irpinia. Fuori Luogo è un gruppo di professionisti che hanno deciso di combinare le proprie competenze per un approccio trasversale al lavoro sociale. Temi che la riguardano molto da vicino, trattandosi di una quarantaseienne che usa regolarmente un respiratore. Stare a casa è un privilegio. AA: Perché pensi che la comunità nera sia così lontana dal veganismo? AA: Nella tua presentazione hai fornito tre concetti diversi in relazione alla parola “animale”. Syl Ko (SK): Oh, wow… nessuno me lo ha chiesto. I neonati di qualsiasi specie tendono ad essere deliziosi, e i maialini – nella loro piccolezza e affascinante goffaggine – occupano naturalmente il centro della scena. Lasciamo che si mettano nei nostri panni, mentre potremmo fare le cose da noi. Le femministe ignorano quindi come la loro razza le sostenga mitigando alcuni aspetti del sessismo e, inoltre, come ciò spesso rappresenti un privilegio che contribuisce al dominio di altre donne. È una lotta (anche con se stess*). Questo articolo ha a che fare con l’animale interiore, e utilizza il veganismo nero come modo per far emergere il modo in cui, nel momento stesso in cui parliamo di animali, non cogliamo il punto. Ho sempre pensato tra me e me: “Come posso fare la mia parte per un movimento che afferma di prendersi cura degli animali ma che mostra platealmente di non avere nessuna cura o amore per me?” Come persona che conosce molti casi in cui i vegani bianchi e non bianchi (ma non neri) minimizzano, ignorano e negano in maniera palese la difficile situazione delle vite nere, sostenendo al contempo “l’uguaglianza di tutte le forme di vita”, il veganismo nero fornisce un approccio veramente intersezionale al movimento. L’enorme attenzione data alle persone famose nel femminismo deriva dal fatto che il femminismo online si sta trasformando in giornalismo di bassa lega. Ari Ne’eman è Visiting Professor presso il Lurie Institute for Disability Policy dell’Università di Brandeis e studente di dottorato in politica sanitaria presso l’Università di Harvard. Le loro dimensioni minute attraggono, e allo stesso tempo mettono ansia. La Discriminazione ha luogo nel momento in cui una persona mette in atto il proprio pregiudizio. Quando il Congresso ha approvato l’American With Disabilities Act 30 anni fa, lo ha fatto come forma di beneficenza limitata ai periodi di abbondanza? Follow. Tutt* sanno che gli animali vengono torturati e massacrati, ma molte persone non riescono a rinunciare alla carne perché “ha un buon sapore”; Quanto credi nella giustizia sociale se le tue papille gustative sono più importanti della vita di un altro essere? La stessa parola esprime diversi significati. Per me, in questo momento, la cura di sé è la cosa più importante. Come il machismo e il patriarcato, è una struttura solidamente radicata nella cultura e nei costumi. Inoltre, mettere coloro che attualmente sono emarginati al centro è il modo più efficace per resistere agli sforzi per compartimentare le esperienze e minare la potenziale azione collettiva. Ormai da anni percepiamo l’esistenza di una lotta di potere tra le femministe che hanno profonde conoscenze teoriche e si organizzano intorno al mondo accademico da un lato, e tutte le altre. Ma qualcosa di vecchio salta fuori, e sono le cartelle dei dietologi. Esempi di utilizzo "fuori luogo" in Spagnolo Queste frasi vengono da fonti esterne e potrebbero essere non accurate. L’intersezionalità strutturale si riferisce a una differenza nella qualità esperienziale della riforma legale tra donne bianche e donne di colore. nell’ultimo periodo aumentato a 52 chili. Alla fine il tribunale respinse il caso delle donne: da un lato, la compagnia aveva assunto donne bianche prima del 1964, quindi la corte decise che non esisteva alcuna discriminazione basata sul sesso; d’altra parte, la corte ha raccomandato che il caso delle donne nere venisse presentato nuovamente assieme a un’altra causa di discriminazione razziale contro GM,  guidata da uomini di colore. Queste persone non capiscono cosa significhi veramente essere poveri in questo paese, vivere in una casa angusta con troppe persone, non avere abbastanza soldi per comprare grandi quantità di cibo o non avere un posto dove conservarlo in caso si riesca a farlo. La carità può finire quando le risorse sono scarse, ma i diritti civili devono continuare, anche se ciò comporta un costo in termini di tempo, denaro e persino vite.