Una storia che Marco Balzano riesce a mettere insieme con rara delicatezza facendo perno sulla figura di Trina e del suo silenzioso e continuo dialogo con la figlia scomparsa. Pennarelli STABILO Pen 68 Limited Edition Design Ananas. Caparbia come il paese di confine in cui 챔 cresciuta, sa opporsi ai fascisti che le impediscono di fare la maestra. {{addToCartResponse.SelectedProduct.Publisher}} La motivazione di Pierluigi Battista per la candidatura al Premio Strega, «La copertina del romanzo Resto qui di Marco Balzano raffigura un campanile che spunta dalle acque di un lago. 2,342 people like this. Quando tutto sembra finito però la pace di questi luoghi viene nuovamente interrotta dai rumori della costruzione della diga che procede nonostante tutto.⁣ Ma è anche un romanzo sui rapporti familiari e sull’amore, declinato in ogni modo: per i figli, per i mariti, per i cani, per la propria terra e le proprie radici. Bella l’idea di far raccontare la vicenda ad una donna, anche se sembra anche questa spesso una voce fuori contesto, come appena accennati risultano i temi dell’indipendenza del Tirolo e degli sconvolgimenti che la seconda guerra mondiale ha portato in quei territori. Le grandi storie di confine trovano in questo romanzo una nuova declinazione: alle radici della cultura italiana c’è la storia di un innesto violento tra due popoli, quello austriaco e quello italiano; il crocevia di tre ideologie, nazismo, fascismo e comunismo; c’è la lotta tra il passato rurale il futuro tecnologico. Si si, ve lo consiglio . Marco Balzano ha la sapienza dei grandi narratori: accorda la scrittura al respiro dei suoi personaggi. Editore: Prisma. https://www.lafeltrinelli.it/libri/marco-balzano/resto-qui/9788806237417 Ben scritto. - A Socio Unico soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte di EFFE 2005 Gruppo Feltrinelli S.p.A. Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli, Cucina botanica. Siamo in Sudtirolo, terra di confini e di lacerazioni: un posto in cui nemmeno la lingua materna 챔 qualcosa che ti appartiene fino in fondo. Lo stile di Marco Balzano è molto scorrevole e in generale abbastanza piacevole. IBS La gente, non Trina. ⁣Questo romanzo è duro, potente. È questo il caso di Resto qui, di Marco Balzano. Spesso i best seller sono sopravalutati, ma questo libro mi è piaciuto. Resto qui. Nel libro di Balzano la storia raccontata da una voce narrante femminile descrive un fatto vero ma dimenticato, una gigantesca catastrofe che è stata l'atto finale di una persecuzione linguistica, etnica, culturale, morale avviata con l'italianizzazione forzata di una valle che da secoli si esprime in lingua tedesca. Con il personaggio di Trina, giovane madre piena di passione e di speranza, Marco Balzano ha realizzato una splendida storia di tenacia e ha raccontato un amore per le proprie radici, che persiste anche nella più lucida rassegnazione.Gianluca CannilloRestare. L’acqua come leitmotiv in tutti i suoi stati, liquido, gassoso e solido: il lago, le nuvole e la neve. Non ha paura di fuggire sulle montagne col marito disertore. Condizioni d'uso del sito | Come i pesci." Entrambe sono incantatrici: la prima è maliarda e purtroppo fatale, l'altra è ostinata e combattiva. Forse per il fatto che non sono particolarmente appassionata del particolare momento storico, quindi non mi ha appassionata. La storia di questa coppia è una storia di resistenza e di resilienza che incrocia le sorti di quella terra di confine che è l’Alto Adige.Né con i nazisti, né con i fascisti. Lo scrittore Marco Balzano racconta la vita che si conduceva in una terra di confine come l'Alto Adige durante il ventennio fascista e negli anni del dopoguerra. ... Ho apprezzato molto la scrittura di Balzano e la storia che ha scelto di raccontare in "Resto qui"; sento di aver imparato qualcosa da questo libro, che ha anche avuto l'indubbia capacità di emozionarmi e intrattenermi senza risultare mai noioso né didascalico. Poi il lungo dopoguerra, che non porta nessuna pace. {{addToCartResponse.SelectedProduct.MediaType}} 2,322 people follow this. Credo di essermi chiesta cosa abbiano provato quelle persone, davvero tantissime volte, assieme al come mai sia una parte di storia poco conosciuta e studiata, a distanza comunque di tutto questo tempo. Informativa sulla garanzia legale di conformità | Ed imparare ad arrendersi, con la forza consapevole di averlo fatto senza fuggire.Oggi in Alto Adige, a Curon Venosta, frotte di turisti vanno a caccia di selfie davanti al campanile sommerso, simbolo della battaglia perduta. Una lettura che rimane impressa. Una vita spesa ad inseguire sogni, a coltivare speranze ed a lenire ferite. Informativa sui cookie | Un continuo scoprirsi e ritrovarsi in volti, in personaggi in cui non vive il manicheismo. Informativa sul diritto di recesso | Poi arriva la guerra col suo seguito di ferocia, dolore e morte. Vegetale, buona e consapevole, Catana Comics Little Moments of Love 2021 Wall Calendar, Agenda Moleskine 18 mesi 2020/2021 settimanale Alice in Wonderland. Sul fondale giace il mistero di Curon. Corriere dello Sport – Stekelenburg: “Resto qui” di Redazione 4 Maggio, 2012 E’ andato in Olanda a festeggiare con l’ Ajax il trionfo in campionato, è tornato a Roma dopo mezza giornata, si … Resto qui del milanese Marco Balzano, classe 1978 e di professione insegnante, esorta a resistere contro tutto e tutti pur di rimanere ancorati alla propria terra e ai propri principi. Del resto mi è apparsa frettolosa la necessità di arrivare ad un finale, di certo più veloce del tempo impiegato dall’acqua per sommergere il paese. "La vita era una questione di idee prima che di affetti": una dissacrante verità, un continuo partecipare alla tangenza e mai all’intersezione delle relazioni. Ve lo consiglio. Una storia di resistenza dimenticata, personaggi che restano impressi nella memoria. - Sede legale e amministrativa Via Tucidide, 56 20134 Milano - C.F. Trina 챔 una giovane madre che alla ferita della collettivit�� somma la propria: invoca di continuo il nome della figlia, scomparsa senza lasciare traccia. Community See All. Lo stile di un classico. 0 recensioni dei lettori media voto 0 su 5. Sul fondale si trovano i resti del paese di Curon. {{addToCartResponse.ListPriceFormatted}} Ma la scrittura di Balzano permette di ricostruire sentimenti, passioni, disperazioni e fughe rocambolesche di un microcosmo vitale eppure condannato attraverso una forza narrativa che inserisce le vicende private nella tragedia della grande storia.», Condizioni generali di vendita | Scrivi una recensione per "Resto qui" Accedi o Registrati per aggiungere una recensione Il tuo voto. L’acqua ha sommerso ogni cosa: solo la punta del campanile emerge dal lago. Carino, scorrevole ma personalmente mi aspettavo di più. Netcomm Spazio consumatori. Read 366 reviews from the world's largest community for readers. Forgot account? Sconto 5% e Spedizione gratuita per ordini superiori a 25 euro. "Guardo le canoe che fendono l'acqua, le barche che sfiorano il campanile, i bagnanti che si stendono a prendere il sole. ⁣. Io resto qui. E quando le acque della diga stanno per sommergere i campi e le case, si difende con ci챵 che nessuno le potr�� mai togliere: le parole. vicino al bosco di betulle, verrà la primavera. Bell’affresco della società contadina altoatesina a cavallo della 2^guerra mondiale, tra fascismo e nazismo, revanchismo austroungarico e italianità forzata. Dettaglio Prodotto. See more of Resto qui on Facebook. Lingua Italiano. Ti chiedi come sia riuscito, Marco Balzano, a scrivere, con voce femminile, di profondo Alto Adige, di una vita di una madre combattente, a cavallo tra le due guerre, del suo dolore profondo... Quel campanile esiste davvero, ed è l'unica traccia rimasta di una vallata del Sudtirolo sommersa dalle acque che, dopo la costruzione di una diga fortemente osteggiata dalla popolazione locale, hanno invaso le terre, le case, le stalle, i masi, i luoghi di una civiltà oramai cancellata. I primi casi di Petra Delicado, Massimo e i vecchietti del BarLume, Rocco Schiavone, Alicia Giménez Bartlett, Marco Malvaldi, Antonio Manzini, {{addToCartResponse.SelectedProduct.Media}}, {{addToCartResponse.SelectedProduct.ProductType}}, {{addToCartResponse.PriceWithPromotions}}, Risparmi {{addToCartResponse.DiscountFormatted}}, Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}}, Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}, *Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva, Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto, Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma, Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma, Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto. Anche l’amore, come l’odio e il dolore sono sussurrati, non urlati, ma non per questo meno forti. Quello è un messaggio fondamentale, perché la propria lingua nativa simbolizza anche l'attaccamento al territorio e il sentimento di appartenenza ad esso e alla sua comunità. 'Resto qui' è un libro che mi è rimasto nel cuore. + 6,90 € Spedizione, Gaia la libraia La tenacia e l’ostinazione che la gente di montagna, come pochi altri, sa dimostrare per difendere il proprio territorio. Anno edizione: 2003. Tenacia e ostinazione. A mio avviso però troppo monocorde e tutto sommato un po' noioso. {{addToCartResponse.SelectedProduct.Contributors}} Perotti, una missione e poi le… radici: “Batto il Siviglia e resto qui” Giugno 6, 2020 La Gazzetta dello Sport (C. Zucchelli) – Il passato di Diego Perotti è rappresentato dal Siviglia , il presente dalla Roma ed il futuro anche, o almeno questa è la speranza dell’esterno argentino. {{addToCartResponse.SelectedProduct.FileSize}}, Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto, {{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}, {{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}, Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}, Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}, Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}, 18,00 € Altrimenti Dio ci avrebbe messo gli occhi di lato. or. Not Now. Senza magari curarsi della storia che quel simbolo rappresenta. Si legge piacevolmente senza noia. Una storia dal carattere torrenziale, capace di travolgere il fluire umano e mite delle vicende umane. Resto qui è un romanzo dello scrittore italiano Marco Balzano, pubblicato nel 2018. Personaggi e trama. L'acqua ha sommerso ogni cosa: solo la punta del campanile emerge dal lago. Quando ci siamo avvicinati al lago mia figlia ha iniziato a tirarmi il braccio e a chiedermi spiegazioni. Trina e Erich decidono di restare a Curon quando molti scappano dal fascismo che impone l'italiano e spazza via identità e tradizioni. Li osservo e mi sforzo di comprendere. Trina ed Erich, seppur personaggi fittizi e non realmente esistiti, sono il simbolo di quegli abitanti, un grande modello di tenacia e forza d'animo, hanno perso sì ma hanno comunque combattuto fino all'ultimo giorno per le loro idee e la loro vita. 1 recensione Scrivi una recensione. Pur essendo un libro che si legge, ha il difetto di troppi libri italiani degli ultimi anni: da metà in poi sembra che l'autore debba per forza terminare il libro in breve tempo e la storia si impoverisce. 07022140011, Narrativa italiana dalle origini all'Ottocento, Storiografia e metodologia della ricerca storica, Marco Balzano vince il Premio Bagutta 2019. Senza restare annegata.Stefania FavaA volte ti chiamano strega e invece sei solo una donna, una donna vera che non ha paura di affrontare il nemico interno ed esterno, di esprimere i propri sentimenti, le proprie emozioni di combattere per la propria terra, il proprio lavoro, i bambini della scuola e il marito...tutto questo è Trina e Marco Balzano è riuscito a coglierne l'anima più sottile, che si erge e non affonderà mai, proprio come la punta del campanile che emerge dal Lago come un respiro più forte di tutte le guerre!AntoniaDa un lato, la strega cattiva, la dittatura fascista, che sfrutta il suo potere e i suoi "artifici" per scopi diabolici. con gli amici. E non c’è ancora l’accordo. Pagine: 192 . Dall'altro, la strega buona, che unisce la forza della parola, dell'istruzione, la coscienza e la volontà di difesa della propria identità. Attraversando, per caso, le buie pagine scritte dalla Seconda Guerra Mondiale. sappiate che anche qui, dove riposo. Premio Mario Rigoni Stern 2019 05329570963 - Reg. La suggestione la possiamo osservare anche noi sulla copertina del romanzo: si tratta del campanile mezzo affondato della chiesa di Curon, un villaggio della Val Venosta sommerso nel 1950 a seguito della costruzione di una diga.Oggi i turisti possono ammirare le vestigia di quella antica società rurale affondata e forse solo immaginare cosa è significato per gli abitanti dell’Alto Adige vedere sommerse le proprie case. La traduzione francese di Resto qui ha vinto il Prix M챕diterran챕e 2019. {{addToCartResponse.SelectedProduct.Title}}, {{addToCartResponse.PriceWithPromotions}} Questi sono probabilmente i termini che meglio rappresentano questo libro. Da allora non ha mai smesso di aspettarla, di scriverle, nella speranza che le parole gliela possano restituire. Non conoscevo affatto la storia di Curon e quindi ho iniziato a leggere questo libro un po' per curiosità. E cos챠, mentre il lettore segue la storia di questa famiglia e vorrebbe tendere la mano a Trina, all’improvviso si ritrova precipitato a osservare, un giorno dopo l’altro, la costruzione della diga che inonder�� le case e le strade, i dolori e le illusioni, la ribellione e la solitudine. Finch챕 la guerra viene a bussare alla porta di casa, e Trina segue il marito disertore sulle montagne, dove entrambi imparano a convivere con la morte. Chiedi a Gaia, la tua assistente personale. Ma anche per proteggere un’identità da sempre confusa, quella dell’Alto Adige, terra di confini e lacerazioni, sballottata tra la cultura e le tradizioni teutoniche e il tentativo di forzata italianizzazione del periodo fascista.