Visco varò una complessa riforma fiscale che eliminava numerose imposte (fra cui la patrimoniale sulle imprese) e tutti i contributi sanitari, introduceva l'Irap (che non è, come spesso viene interpretata, un'imposta sul reddito di impresa), alleggeriva e razionalizzava il sistema sanzionatorio, rivoluzionava la riscossione e introduceva il modello di dichiarazione Unico che permise il taglio drastico degli adempimenti consentendo la compensazione fra debiti e crediti di imposta, procedette ad una radicale riorganizzazione dell'amministrazione finanziaria, istituendo le Agenzie fiscali (Entrate, Dogane, Territorio e Demanio) rendendo autonoma l'Amministrazione dei Monopoli di Stato e riuscendo anche a varare la normativa che ha permesso la privatizzazione della produzione di sigari e sigarette. In un caso, anche in una votazioni sulla fiducia. Dotata di tanti talenti, tra cui un’ironia davvero irresistibile e tutta sua. Cosa che non ha fatto sua nipote, Silvia Prodi: figlia di suo fratello Quintilio ... Andarsene è stata una decisione difficile, ma è solo la fine di un percorso. Dietro la guida dell'energico Ministro Beniamino Andreatta, il governo Prodi si distinse per la forza delle sue proposte in tema di difesa: in breve tempo operò la riforma degli Stati Maggiori, ottenne dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il ruolo di guida per l'Italia durante la Missione Alba (un'operazione di peacekeeping e d'aiuto umanitario all'Albania interamente gestita da forze europee), venne proposta l'idea di costruire e organizzare una vera forza di difesa internazionale europea, venne stabilita l'abolizione della leva obbligatoria modificando anche il servizio civile. Nel giugno 2010 alcuni giornali hanno segnalato che Prodi avrebbe accettato di far parte di un gruppo incaricato di curare l'immagine della BP, crollata dopo il disastro ambientale del Golfo del Messico[40]. Dal 21 febbraio 2014 è presidente dell'International advisory board (Iab) di Unicredit. Roma, morte Serena Greco: rintracciato il presunto responsabile. Ma che fine ha fatto Prodi? Il Grinch, che fine ha fatto Taylor Momsen, la piccola Cindy L’amatissimo film Il Grinch, uscito nel 2000, ha avuto un successo incredibile in tutto il mondo, Protagonisti Jim Carrey, che è stato la temibile creatura verde, affiancato dalla dolce Cindy Lou, la piccola bambina che ha salvato il Natale, interpretata da Taylor Momsen. Così per la prima volta in Italia si creava un unico blocco che oltre ai tradizionali eredi delle culture socialista, socialdemocratica, cattolico-popolare e liberale, coinvolgeva anche i post-comunisti e gli ambientalisti. Lezioni di economia su La7, Prodi non ce la fa: ritiro la candidatura, Zingaretti: «Sì al referendum. Abbiamo chiesto se qualcuno sapeva qualcosa, e, visto che nessuno ne sapeva niente, ho ritenuto mio dovere, anche a costo di sembrare ridicolo, come mi sento in questo momento, di riferire la cosa. Tale accordo non portò però ai suoi effetti. Così riferì Prodi nel corso della testimonianza: «Era un giorno di pioggia, facevamo il gioco del piattino, termine che conosco poco perché era la prima volta che vedevo cose del genere. Non è questa l’Italia che sognavo in esilio. Il 1 settembre 2008 crea la Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli[13] che ha come scopo la promozione e lo studio delle problematiche sociali, culturali, economiche, politiche del mondo, al fine di favorire la nascita e la discussione di nuove proposte di … L'esclusione di Romano Prodi fu un momento di crisi per il progetto dell'Ulivo, per rilanciarlo nel febbraio 1999 fonda I Democratici, un movimento politico dedicato al raggiungimento dello scopo di mettere assieme in un unico partito coloro che si riconoscono nell'Ulivo. Partiti e movimenti fondatori della coalizione erano[24]: In seguito, faranno parte dell'Ulivo anche: Il Governo Prodi I che si formò ebbe una composizione ulivista e d'indipendenti, e si avvalse di un appoggio esterno da parte di Rifondazione Comunista. Negli anni successivi l'IRI stipulò alcuni contratti di consulenza con la società, che portarono a dubitare sulla trasparenza dell'operazione: in un primo processo, concluso nel 1988, Romano Prodi venne assolto con formula piena in quanto alla luce delle indagini non si configurava reato nel suo comportamento. E allora perché ha mollato l'osso e pure l'ossicino, evitando perfino di candidarsi al Parlamento, che non è il peggiore degli ospizi? Il 16 febbraio 2005 crea a Bologna la "Fabbrica del Programma". Per la prima volta nella storia della Repubblica, istituiva la figura del Centro di permanenza temporanea (all'articolo 12 della legge), per tutti gli stranieri "sottoposti a provvedimenti di espulsione e o di respingimento con accompagnamento coattivo alla frontiera non immediatamente eseguibile". Che fine ha fatto Banksy? Tale percorso è caratterizzato da una serie di tappe verso l'acquisto dei diritti propri del cittadino pleno iure, inclusivo del diritto al ricongiungimento familiare, del diritto al trattamento sanitario e alla salute, e del diritto all'istruzione. Con la convinta prospettiva di far partecipare l'Italia al progetto della moneta unica europea che richiedeva il rispetto di precisi parametri economici, sentiti molto difficili da raggiungere in quel momento in cui si era da qualche anno usciti dal Sistema Monetario Europeo (vi rientrò nel novembre del 1996 grazie alle politiche di risanamento portate avanti dai ministri Visco e Ciampi). Tali accuse si rivelarono totalmente infondate e le prove chiave prodotte a loro supporto si rivelarono dei falsi[72]. A tale alleanza di centro-destra si opponevano una coalizione centrista Patto per l'Italia (PPI-Segni-PSDI-PRI)[21] ed una di sinistra Alleanza dei Progressisti (PDS-PRC-PSI-Verdi-RS-CS-AD)[22]. Queste politiche consentirono al Governo Prodi una drastica riduzione del disavanzo pubblico, portato sotto la soglia prescritta del 3 per cento (fu del 2,7) grazie anche ad un recupero di evasione fiscale pari a 0,5 punti di Pil in assenza del quale il disavanzo sarebbe stato del 3,2 per cento. In un'intervista a La Repubblica che Oleg Gordievsky, ex agente del KGB e poi collaboratore del MI6 definì fabbricata al 90%[78], è stato scritto che Gordievsky sostenne di aver partecipato a un incontro con Litvinienko e Scaramella in cui il primo avrebbe riportato le parole pronunciate da Anatoly Trofimov ("Prodi è un nostro uomo"). E io desidero davvero il concorso di tutti". Il GUP Eduardo Landi citò nelle motivazioni anche la riforma dell'abuso d'ufficio, varata pochi mesi prima (il 10 luglio) su iniziativa dell'Ulivo e votata anche dalla coalizione avversaria. L’Italia ne ha bisogno, per restare in Europa, per calmare i mercati e per salvarsi da un tracollo che potrebbe essere peggiore che dopo una guerra. Uno non può dire "Prodi ha ottenuto risultati positivi" e non sapere come li ha raggiunti o tantomeno essere contrario al medesimo scenario socioeconomico che li ha … Che fine ha fatto Romano Prodi? ecco il suo sito. Fallito il blitz conseguente alla seduta spiritica, il 18 aprile i vigili del fuoco, a causa di una perdita d'acqua, scoprirono a Roma, in via Gradoli 96, un covo delle Brigate Rosse da poco abbandonato, che si sarebbe rivelato come la base operativa del capo della colonna romana delle BR, Mario Moretti, il quale aveva preso parte all'agguato di via Fani. Per il riordino dei conti italiani fu anche stabilito un contributo straordinario, chiamato anche "eurotassa" o "tassa per l'Europa", commisurata ai redditi delle persone, che venne in seguito per il 60% restituita nel 1999, com'era stato prospettato al momento del suo varo, giustificata da un consolidato quadro economico e dal fatto che l'entrata nell'euro aveva portato un considerevole risparmio di interessi sui titoli di Stato. So che questo post potrà scatenare nuove polemiche, ma lo devo a me stesso, a Charly Brown, e ad altri lettori del blog coi quali circa un mese fa ci eravamo concessi un mese di tempo, ed avevamo preso l’impegno di verificare, a posteriori, queste due ipotesi: Inoltre, il Sig. Che sia o meno il luogo di nascita del virus, il mercato del pesce di Huanan può essere considerato a tutti gli effetti il Ground Zero della pandemia di Covid-19. con uno scarto inferiore ai 25.000 voti alla Camera, mentre al Senato ottiene due seggi in più in ragione del voto degli italiani all'estero. La mattina del 19 aprile 2013, l'assemblea dei grandi elettori del Partito Democratico prende all'unanimità[46] la decisione di candidare Romano Prodi – che quel giorno si trova a Bamako nell'ambito del suo incarico ONU – al quarto scrutinio per l'elezione del presidente della Repubblica. Mi chiese se non ritenevo che Prodi avesse appreso del covo dal KGB. Avendo denunciato le attività illegali dell'FSB, il signor Litvinenko è stato costretto a cercare asilo politico all'estero; prima di scegliere il luogo in cui rifugiarsi, egli ha consultato il suo amico generale Anatoly Trofimov, ex vicedirettore dell'FSB. Guida alla scrittura dei commenti Mario Scaramella (Napoli, 23 aprile 1970) è un consulente salito alla ribalta nel 2006 in seguito all'avvelenamento dell'ex agente segreto russo Aleksandr Litvinenko, vicenda collegata alle indagini della Commissione parlamentare d'inchiesta concernente il "dossier Mitrokhin" e l'attività d'intelligence italiana, per la quale Ma prodi che fine ha fatto? L'indicazione secondo la quale Romano Prodi sarebbe stato un uomo di riferimento del KGB in Italia si rifà alle affermazioni dell'eurodeputato inglese Gerald Batten dell'United Kingdom Independence Party, che sosteneva di averla ricevuta dalla spia russa Alexander Litvinenko, morto il 26 novembre 2006 per avvelenamento. Che fine ha fatto Sofia Tornambene Con una voce che non passa inosservata, la carriera di Sofia non poteva finire dopo la vittoria alla tredicesima edizione di X-Factor. Luca Giurato – Fonte: Facebook Luca Giurato, una carriera all’insegna del successo. L'IRI, durante il primo mandato di Prodi, nel 1985 fallì nell'intento di cedere la SME a privati. Ottiene subito l'adesione alla sua candidatura di Segni (con la formazione di un gruppo parlamentare dedicato all'unione proposta di più forze politiche, riunente liberali, repubblicani, socialisti), quindi del Partito Democratico della Sinistra di Massimo D'Alema, del Partito Popolare Italiano di Gerardo Bianco, dei Verdi. Revocato dopo un anno. La riforma dell'abuso di ufficio era prevista nei programmi di tutte le forze politiche presentatesi alle elezioni del 1996. Come professore ordinario, tenne la cattedra di "Economia politica e industriale" all'Università di Bologna fino al 1999. Batten, richiedendo un'inchiesta, dichiarava il 3 aprile 2006 davanti al Parlamento Europeo a Strasburgo: «un cittadino residente nel mio collegio elettorale, Alexander Litvinenko, è un ex tenente colonnello dell'FSB della Federazione russa, l'organismo che ha preso il posto del KGB. Secondo Silvio Berlusconi invece «Prodi s'è salvato grazie all'amnistia e alla modifica dell'abuso d'ufficio. Ad opera del Ministro per i beni culturali e ambientali Walter Veltroni, sotto il governo Prodi, venne varato il meccanismo di assegnazione delle risorse provenienti dalle estrazioni del Lotto per finanziare il restauro dei beni culturali lanciando inoltre l'apertura dei musei anche la sera. Nel 1963 iniziò la sua carriera accademica come assistente di Beniamino Andreatta alla cattedra di "economia politica" della facoltà di Scienze politiche dell'Università di Bologna. Secondo l'accusa quindi Prodi avrebbe favorito la Fisvi, sebbene questa non avesse i mezzi finanziari per acquistare la Cirio-Bertolli-De Rica, in modo da agevolare indirettamente l'Unilever, aggirando così l'obbligo di conseguimento del miglior prezzo previsto dalle direttive CIPE.