Universo scuola è un blog di informazione. Esigenze di apprendimento speciali, permanenti o temporanee, nascono per una varietà di ragioni diverse. La definizione : Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati non obbligatoriamente supportati da una diagnosi medica e/o psicologica, ma comunque riferiti a Quello di BES è infatti un concetto pedagogico, non clinico, che va inserito all’interno Il fatto che lo specialista riporti nella relazione clinica da consegnare alla scuola la sigla "BES", significa che il neuropsichiatra ha riscontrato delle fragilità nel ragazzo, ma non tali da essere inserito in un codice clinico, pertanto consiglia alla scuola di farlo rientrare nella categoria scolastica BES perché effettivamente quel ragazzo ha delle problematiche che però probabilmente con una didatica mirata può superare. Si tratta anche di comprendere quale deve essere la relazione nella 'definizione' di bisogni educativi speciali tra lo sguardo clinico-diagnostico e quello pedagogico. Privacy Policy | Per i non laureati sono disponibili anche i corsi di perfezionamento per diplomati. BES, STRUMENTI D’INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI . La sigla BES sta per Bisogni Educativi Speciali e si riferisce a particolari esigenze educative che possono avere determinati alunni anche solo per un periodo di tempo limitato. I bambini e ragazzi con bisogni educativi speciali (detti anche BES) sono quegli alunni che necessitano di un'attenzione particolare a scuola, per diversi motivi: deficit di tipo fisico o psicologico oppure semplicemente esigenze diverse e particolari (ad esempio gli alunni stranieri). Condizioni | Articolo correlato: "Difficoltà di apprendimento: definizione e segnali di pericolo" I bisogni educativi speciali. Quest’ultima poi è inserita in strutture più ampie: in particolare il dirigente scolastico ha il compito di relazionarsi con le strutture del territorio per fare della scuola un ambiente aperto e che possa beneficia… Sembra scontato dire che gli alunni BES sono ovviamente quegli alunni che manifestano i Bisogni Educativi Speciali, che sono stati convenzionalmente catalogati dal Miur in tre macro categorie a seconda della natura del loro bisogno in: Ok, potete inviarmi aggiornamenti e comunicazioni, Desidero ricevere notifiche in caso di risposta, Accetto i Termini e le Condizioni e l'Informativa sulla Privacyi, Acconsento al trattamento dei dati per promozioni e offerte personali. Partiamo con lo spiegare il significato dell'acronimo BES: Bisogni Educativi Speciali. E' grazie alla direttiva del MIUR del 27 Dicembre 2012 che sono stati individuati i cosiddetti BES (Bisogni Educativi Speciali), e dalla stessa è possibile estrapolare una definizione: Con la direttiva dello scorso 27 dicembre 2012 relativa ai Bisogni educativi speciali (BES) il MIUR ha accolto gli orientamenti da tempo presenti in alcuni Paesi dell’Unione europea che completano il quadro italiano dell’inclusione … Ogni bambino che vive l’esperienza scolastica con bisogni comuni o bisogni speciali è inserito prima di tutto nel gruppo classe e ha il diritto di vivere le risorse della comunità scolastica, fatta di alunni, famiglie, docenti, educatori e collaboratori che a vario titolo sono presenze educative all’interno della scuola. Questa definizione è stata introdotta per la prima volta nel Regno Unito, alla fine degli anni '70. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LINEE GUIDA A SCUOLA E PROTOCOLLO PER BES . CRITERI DI INDIVIDUAZIONE ALUNNI BES (Direttiva Ministeriale 27/12/2012 e Circolare n°8 del 06/03/2013) Bisogni Educativi Speciali DISABILITA’ (L. 104/92) DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI: DSA SVANTAGGIO socio‐economico: alunni seguiti dal servizio famiglia‐minori, situazioni segnalate dalla famiglia, rilevazioni del Team docenti attraverso osservazione diretta. I bambini e ragazzi con bisogni educativi speciali (detti anche BES) sono quegli alunni che necessitano di un'attenzione particolare a scuola, per diversi motivi: deficit di tipo fisico o psicologico oppure semplicemente esigenze diverse e particolari (ad esempio gli alunni stranieri).. Bisogni educativi speciali: quali sono Bisogni Educativi Speciali I principi che sono alla base del nostro modello di integrazione scolastica - assunto a punto di riferimento per le politiche di inclusione in Europa e non solo - hanno contribuito a fare del sistema di istruzione italiano un luogo di conoscenza, sviluppo e socializzazione per tutti, sottolineandone gli aspetti inclusivi piuttosto che quelli selettivi. La guida indispensabile per i tuoi percorsi formativi BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E RELATIVA DOCUMENTAZIONE Al fine di avviare le procedure per la rilevazione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali presenti nelle nostre classi e della eventuale successiva compilazione della documentazione si precisano alcuni aspetti. “Formalizzazione” del percorso personalizzato in presenza di esigenze specifiche Circolare Ministeriale n. 8 del 06/03/2013: ! Disturbo specifico di apprendimento o evolutivo. Impariamo a conoscere cosa sono i bisogni educativi speciali (BES), che rappresentano una macrocategoria pedagogica a cui appartengono anche i DSA. Le cause da cui un BES può derivare sono: Il termine BES è diventato più ricorrente in Italia nel 2012, anche se la tematica ha radici antecedenti. Guarda il video di presentazione dell'opera (Libro + Software gestionale per i PDP e i PAI) Il 27.12.2012 è stata emanata la Direttiva Ministeriale “Strumenti d’intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica”. E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L’INCLUSIONE SCOLASTICA . Tutti i diritti sono riservati ed è vietata anche la riproduzione parziale. MODALITA’ STRUTTURATE (PEP BES) 5. rivela bisogni educativi speciali: la scuola ha la funzione di costruire accuratamente interventi “su misura”, rendendo normale e ordinaria l’attenzione a ciò che è “speciale”. Nel tempo, ha conosciuto un crescente successo, tanto da essere cristallizzata in documenti di valore internazionale. Ci impegnamo a diffondere notizie ed a fare informazione di qualità, tuttavia il contenuto e gli articoli possono presentare errori ed elementi interpretativi, e/o possono perdere validità nel tempo. Alcune strategie per aumentare l'inclusione nell'ambiente scolastico con Alunni Bes: Scopri di più sul master BES e il master DSA, Master BES e DSA: non sono abilitanti al sostegno ma aumentano i punti in graduatoria, Gli Alunni ad Alto Potenziale Cognitivo sono BES, a stabilirlo è il Miur, © 2020 - soloformazione.it - DRIBE SRL - via ca dei lunghi, 136 - SAN MARINO - COE 27110 Se la scuola non accetta deve darne motivazioni per iscritto come previsto dalla Nota Ministeriale del 22 Novembre 2013. Va quindi potenziata la ultura dell’inlusione, e iò anhe mediante un periodi, può manifestare Bisogni Educativi Speciali: o per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta. La redazione si impegnerà a correggere gli errori quando individuati o segnalati, ma la correzione potrebbe non essere sempre tempestiva. Siamo orgogliosi di elencare l'acronimo di SEN nel più grande database di abbreviazioni e acronimi. Non è semplice orientarsi in un mare d’informazioni circa BES e DSA, andando oltre la mera definizione. Spesso nella scuola si sente parlare di BES in riferimento alle esigenze di specializzazione di docenti e aspiranti tali. alunni con disabilità Legge 28 marzo 2003, n. 53 “Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale”. Avrai sicuramente capito dalla premessa che BES è l’acronimo di Bisogni Educativi Speciali; ma cosa sono esattamente queste necessità così particolari da richiedere una così grande attenzione?. Per definizione dunque, i BES sono manifestazioni di esigenze di apprendimento e necessità particolari che nascono per motivi svariati e possono manifestarsi con con modalità e tempi diversi. Per far sì che ci sia una diagnosi, bisogna riportare su un documento redatto da uno specialista un codice clinico; ad esempio per la dislessia il codice è F81.0 (ICD-10). Telefono 02 87199126, Corso + Certificazione valutato 0.5 punti in GPS, CORSI SINGOLI per completamento Classi di Concorso, Piano Didattica Digitale Integrata: che cos'è e come redigerlo, 3 dicembre, Giornata internazionale delle persone con disabilità, Certificazione livello C1 inglese: cos'è e come ottenerla online, Bes: cosa sono i bisogni educativi speciali, Digital skills: cosa sono e a cosa servono, Integrazione CFU: importante per evitare depennamenti in graduatoria, Scacchi: il gioco che aumenta logica, memoria e creatività, Certificazioni informatiche Gps: perché conseguirle per aumentare il punteggio, Certificazione livello B2 inglese: cos'è e come ottenerla online, creare un clima inclusivo: accettazione e rispetto delle diversità, adattare lo stile di insegnamento, materiali, tempi, tecnologie, trovare punti contatto tra le programmazioni (di classe e individualizzata), favorire la creazioni di reti relazionali con famiglia, territorio e specialisti. Definizione di Bisogni Educativi Speciali Come suggerisce l’ICF (International Classification of Functioning, disability and health) la definizione di Bisogni Educativi Speciali è : “qualsiasi difficoltà evolutiva di funzionamento, permanente o transitoria, in ambito educativo o di apprendimento, dovuta all’interazione tra vari fattori di salute”. Oggi daremo una definizione di BES, parleremo degli Alunni che li manifestano e di cosa dice la normativa a riguardo. Bisogni Educativi Speciali, ma anche e soprattutto un impegno forte per l’attuazione di un’organizzazione educativa e didattica che si orienti sempre più verso una personalizzazione del percorso formativo. Bisogni Educativi Speciali Direttiva 2012 «Ogni alunno, con continuità o per determinati periodi, può manifestare Bisogni Educativi Speciali: o per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e … Definizione di BES. pertanto è fatto assoluto divieto replicare o copiare parte del layout e dei contenuti, Valutazione Titoli | SEN = Bisogni educativi speciali Cerchi una definizione generale di SEN? In fine arriviamo alla normativa attualmente in vigore, la Direttiva ministeriale 27 dicembre 2012 "Strumenti d'intervento per gli alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l'inclusione scolastica" che è stata emanata dal MIUR per integrare e completare la legge 170/2010, ampliando il campo di applicazione della didattica inclusiva e personalizzata. Il problema dell’integrazione Bisogni Educativi Speciali Esigenze didattiche Un contesto in evoluzione. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA) PROFILO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) Leggi di riferimento - Legge 170/2010 sui DSA - Direttiva ministeriale del 27/12/2012 - Circolare ministeriale n.8 del 6/03/2013 - Nota ministeriale del 27/06/2013 - Nota ministeriale del 22/11/2013 I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI L’espressione Bisogni Educativi Speciali (BES) ... 3. Pertanto non possiamo assumerci e non ci assumiamo la responsabilità riguardo a qualsiasi decisione, azione, interpretazione o pensiero derivante dalla lettura e presa visione dei contenuti presenti, e invitiamo tutti i lettori a prendere atto che ogni affidamento nella veridicità e affidabilità delle opinioni, dichiarazioni, indicazioni o informazioni pubblicate nel sito viene fatto a propria discrezione, assumendosi le conseguenze relative. In queste tre lettere sono racchiuse una vasta gamma di motivazioni sociali, legate ad esigenze particolari che certi alunni manifestano e che i docenti hanno il compito di comprendere ed assecondare, tenendone conto nello svolgimento del loro compito di educatori, soprattutto gli insegnanti di sostegno. Il layout e le schede informative, sia web che inviate via email sono di proprietà di soloformazione.it tra bisogni educativi speciali, pedagogia speciale e inclusione scolastica e sociale. A distanza di 7 anni la Legge n° 170 del 8 ottobre 2010 garantisce e tutela il diritto allo studio degli individui con DSA, Disturbi Specifici dell'Apprendimento, costituendo la prima vera svolta nel campo della didattica inclusiva. Un'innovazione importante ad esempio è stato far rientrare tra i BES anche le difficoltà di apprendimento non certificabili ma comunque esistenti nell'alunno. Bes: definizione. Bisogni Educativi Speciali” (BES) LA DEFINIZIONE Con la sigla B.E.S. Bisogni Educativi Speciali da difficoltà nelle “ATTIVITA’ PERSONALI”, cioè scarse capacità di: • apprendimento • applicazione delle conoscenze • pianificazione delle azioni • autoregolazione • comunicazione/linguaggi • interazione/relazione • autonomia personale/sociale • ecc. DEFINIZIONE CRITERI DI INTERVENTO 3. Cosa sono i bisogni educativi speciali: definizione e normative. MONITORAGGIO INTERMEDIO E FINALE . GU651800100J_05_105_110.indd 107 30/01/13 09:09 La Direttiva del Miur del 27/12/12 ne precisa succintamente il significato: “L’area dello svantaggio scolastico è molto più ampia di quella riferibile esplicitamente alla presenza di deficit. PASSAGGIO DI INFORMAZIONI 4. manifestare Bisogni Educativi Speciali, per ragioni sia fisiche, biologiche e fisiologiche sia psicologiche o sociali, rispetto alle quali è necessario che la scuola offra una risposta . Con questo cambiamento, gli studenti con bisogni educativi speciali è accolto nella classe ordinaria ed è integrato con il resto della scuola al fine di migliorare il loro sviluppo personale e intellettuale. Aggiunta evento formativo, Email: info@soloformazione.it | I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati non obbligatoriamente supportati da una diagnosi … Già la Legge n° 53 del 28 marzo 2003 sanciva il principio della personalizzazione dell'insegnamento in base alle esigenze dell'alunno. Introduce la definizione di Bisogni Educativi Speciali ! In modo particolare, i bisogni formativi degli alunni con disabilità, con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA)e di cittadinanza Per definizione dunque, i BES sono manifestazioni di esigenze di apprendimento e necessità particolari che nascono per motivi svariati e possono manifestarsi con con modalità e tempi diversi. Come detto, la sigla BES è l'acronimo di Bisogni Educativi Speciali. Bisogni Educativi Speciali … perchè? Partiamo con lo spiegare il significato dell'acronimo BES: Bisogni Educativi Speciali. Indica che “lo strumento privilegiato è il percorso individualizzato e personalizzato, redatto in Si può andare dall'alunno disabile all'alunno eccellente, infatti anche l'alunno eccellente può avere dei bisogni educativi speciali. Copyright © Universo Scuola.it, tutti i diritti sono riservati, realizzato da EmadePrivacy Policy, Cosa sono i BES a scuola: definizione e normativa, ITP: Quali sono i diplomi e le classi di concorso dell’insegnante tecnico pratico, Concorso ITP 2020: bando, come partecipare, prove, cosa studiare, Come diventare ITP: mansioni, requisiti, diplomi, classi di concorso e stipendio. La scuola può accettare il suggerimento dello specilista e redigere un PDP (Piano Educativo Personalizzato) oppure no, non è obbligata a farlo. LINEE GUIDA A SCUOLA La Direttiva del 27 dicembre 2012 ... definizione di obiettivi educativi e didattici, attività e modalità di valutazione personalizzate. Questi bisogni educativi, proprio perché scaturiti da queste grandi categorie, vengono definiti speciali. Gli alunni con bisogni educativi speciali costituiscono un gruppo eterogeneo, coinvolto nel processo delle prove nazionali di valutazione in Europa in vari modi. SEN indica Bisogni educativi speciali. Inoltre penso che occorre partire anche da alcune considerazioni sul concetto stesso Estensione ai BES dei benefici della legge 170/2010 sui DSA ! 4. Bisogni educativi speciali: definizione. Les élèves ayant des besoins éducatifs particuliers forment un groupe hétérogène qui participe au processus d'évaluation nationale en Europe de différentes façons. L'immagine seguente mostra una delle definizioni di SEN in inglese: Bisogni educativi speciali. piano di inclusivita’ per studenti con bisogni educativi speciali (bes) Integrazione e benessere a scuola e nella comunità In una società complessa e in continua trasformazione la scuola ha il compito di rispondere in modo efficace e propositivo alle nuove esigenze che si presentano sul piano educativo, sociale e culturale. I Bes sono di diverso tipo, e si possono suddividere in varie categorie, tra cui: Gli alunni Bes non hanno una vera e propria diagnosi. In ogni gruppo classe è presente una scala di bisogni diversificati, di situazioni che richiedono interventi personalizzati ed individualizzati. si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati non obbligatoriamente supportati da una diagnosi medica e/o psicologica, ma comunque riferiti a situazioni di difficoltà tali da far In questo articolo ti parlerò di cosa sono i bisogni educativi speciali e a quali norme fondamentali dovremmo fare riferimento per identificarli con chiarezza.. Cosa sono i Bisogni Educativi Speciali?