Lauro Mengheri. Maturità 2017, le regole per studenti DSA e BES. GLI ALUNNI DSA E BES INDICAZIONI PER I DOCENTI . 7). Essa è un costante processo di miglioramento, volto a sfruttare le risorse esistenti, specialmente le risorse umane per sostenere la partecipazione all’istruzione di tutti gli studenti all’interno di una comunità. individuano e definiscono un impianto teorico e metodologico al quale la scuola e i docenti sono chiamati a riferirsi. n. 350/2018; Possibilità di … [1] L. 104/1992 e l. 170/2010. RIFERIMENTI NORMATIVI DAL 2004 AL 2011 Nota MIUR 4099 del 5/10/2004 o La dislessia è un disturbo specifico dell’apprendimento che riguarda la lettura, la scrittura e il processo di calcolo (discalculia). Le scuole – con determinazioni assunte dai Consigli di classe, risultanti dall’esame della documentazione clinica presentata dalle famiglie e sulla base di considerazioni di carattere psicopedagogico e didattico – possono avvalersi per tutti gli alunni con bisogni educativi speciali degli strumenti fra la disabilità e il disturbo specifico. Il gruppo di lavoro per l’inclusione (GLI), composto dai docenti delle commissioni Disabilità, DSA-BES e Intercultura, predispone il PAI, un documento che presenta lo stato dei bisogni educativi/formativi della scuola per quanto riguarda gli studenti con Bes e le azioni che si … Oltre a questi, sono innumerevoli i forum di discussione in cui scambiarsi dubbi e soluzioni di esercizi o i video su ouTYube [S24] che sono delle vere e … VIDEO - I bisogni educativi speciali. Interventi che consentono all’alunno e allo studente di non svolgere alcune prestazioni che, a causa del disturbo, risultano particolarmente difficoltose e che non migliorano l’apprendimento. Laboratori individuali e/o di gruppo sull’apprendimento per i ragazzi con DSA e per le loro famiglie, come supporto allo studio e per trovare insieme strategie e modalità di studio efficaci, durante tutto l’anno scolastico. Bell, reverendo ed educatore anglicano in India, e ripreso qualche anno dopo dal suo conterraneo Joseph Lancaster che inaugurò a Londra, nel 1798, una scuola per fanciulli poveri.. (Linee Guida per il Diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA, MIUR, 2011) 23.896 studenti DSA: 7253 alunni DSA nella scuola primaria, 10.256 nella scuola secondaria di primo grado e 6387 in quella secondaria.3 Si tratta di studenti che, un tempo, sarebbero stati quasi certamente giudicati svogliati, disattenti, talvolta le “pecore nere” della classe e verso i … Ruoli e ... 104/1992 per la disabilità, la L. 170/2010 e successive integrazioni per gli alunni con DSA, e sul tema della personalizzazione la L. 53/2003. STRATEGIE DIDATTICHE INCLUSIVE. DSA, BES E ADHD. www.professionistiscuola.it 4 INTRODUZIONE L’inclusione scolastica degli alunni con disabilità ha conosciuto fasi importanti nella storia della scuola e degli ordinamenti in Italia: dalla situazione originaria di esclusione da qualsiasi BES; DSA. Per ovviare a conseguenze «I Bisogni Educativi Speciali (BES) riguardano quegli alunni che, in una certa fase della loro crescita (nel periodo di vita fino a diciotto anni), accanto a bisogni educativi normali, e cioè quelli di sviluppo delle competenze, di appartenenza sociale, di identità e autonomia, di valorizzazione e autostima, di accettazione, hanno anche bisogni La parte scritta ha la possibilità di essere accompagnata da fotografie ed immagini, inoltre può essere supportata con altri mezzi di comunicazione istantanea come i messenger. Invito a leggere ed utilizzare questo manuale “I DSA e i BES: indicazioni per la pratica professionale ”, prodotto dallo specifico Gruppo di Lavoro nazionale, istituito presso il CNOP e coordinato dal dott. bambini, e poi la scuola e gli insegnanti, gli operatori e la società in genere. Stessi strumenti per BES e DSA? [2] Una ricostruzione dell’iter legislativo riguardante l’integrazione, e dei relativi principi, è presente nelle “Linee guida per l’integrazione degli alunni con disabilità”. E’ importante ricordare come, in realtà, le recenti normative sui DSA (2010; 2011) e sui BES (2012; 2013) richiamino principi teorici e metodologici già presenti nella cultura Oggi daremo risposta a questi e a tanti altri quesiti sui Bisogni Educativi Speciali, addentrandoci in un settore estremamente delicato e complesso.. Partiamo dal motivo per il quale oggi cresce l’interesse intorno alla tematica. BES: STIAMO ESAGERANDO CON LE DIAGNOSI? Strumenti COMPENSATIVI e Misure DISPENSATIVE Consentono di compensare le carenze funzionali determinate dal disturbo e di facilitare lo studio e il diritto alla conoscenza, attraverso particolari attrezzature o strategie. Secondo C.M. Naturalmente ogni docente, con la propria sensibilità e competenza, saprà individuare il contenuto e i tempi opportuni per una relazione educativa “speciale”. bes, dsa e adhd In questa pagina puoi trovare tutte le proposte Erickson su Bisogni educativi speciali, Disturbi specifici dell’apprendimento e Disturbo di attenzione e iperattività : libri, software, riviste scientifiche, servizi digitali, corsi di formazione online e in presenza per un aggiornamento costante e concreto su BES, DSA, e ADHD. e pratiche, possono rappresentare uno strumento di supporto e un percorso guidato per tutti i Consigli di classe che incontreranno situazioni di alunni BES. In conclusione di questa guida ai BES, vale la pena sottolineare come diversi pedagogisti in Italia si stiano schierando contro l’eccesso di medicalizzazione e la proliferazione delle diagnosi di BES e DSA.In particolare, il dott. BES – Bisogni Educativi Speciali Chi sono i bambini e i ragazzi che hanno Bisogni Educativi Speciali (BES)? Entra nel vivo l'organizzazione degli Esami di Stato per il 2017. TECNOLOGIE DIGITALI E DSA ISBN 978-88-7702-422-0 TECNOLOGIE DIGITALI E DSA A cura di Gianluca Schiavo, Nadia Mana, Ornella Mich e Maria Arici Il termine “strumento compensativo”, concetto essenziale nel percorso educativo degli studenti con DSA, è spesso fonte di dubbio per genitori, insegnanti e ragazzi: quali sono gli strumenti compensativi I BES sono stati introdotti nella normativa scolastica italiana con la … In una società come la nostra, sempre più veloce e sempre più frenetica, si cerca continuamente di trovare soluzioni per accorciare i tempi, per perdere il minor tempo possibile e si finisce per abbreviare tutto: distanze, relazioni, ma anche le parole riducendole, molto spesso, ad acronimi. O.m. Cosa sono i BES e perché rientrano attualmente nelle esigenze di specializzazione di docenti e aspiranti insegnanti? Didattica inclusiva per BES e DSA L’impegno nei confronti degli alunni con Bisogni Educativi Speciali equivale a un impegno verso tutti gli studenti. 3.1 La lettura pedagogica dei BES e la logica dell’ICF 3.2 Procedura di individuazione delle situazioni di BES 4. Chi sono gli studenti con BES? AREA DEI BES Alunni disabili (Legge 104/92) Alunni con DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento, Legge 170/2010) Si parte il 21 con la prima prova scritta. Nuovo video dedicato a un'introduzione generale ai DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO e ai BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI, spero vi interessi! Daniele Novara, accanito sostenitore della soluzione pedagogica invece di quella medica. BES e DSA: il ruolo della scuola per la realizzazione dell’Inclusione L’osservazione sistematica Alunni sospetti DSA e didattica mirata Piste di lavoro per potenziare lettura, scrittura e calcolo MODULO 2: STRATEGIE E METODOLOGIE PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Alunni con DSA, finalmente la scuola si accorge di loro: in cinque anni certificazioni più che raddoppiate. Categoria: Maturita. ... sostenerne l’uso da parte di alunni e studenti con DSA” (Linee guida, pag. Si tratta spesso di problematiche che, non certificabili dalla legge 104/92, non determinano per l’alunno il diritto all’insegnante di sostegno. QUADRO NORMATIVO essenziale sui DSA e sui BES LEGGE 170/2010 - Norme in materia di DSA in ambito scolastico DM 12 luglio 2011 - Trasmissione Linee Guida DSA per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA Linee Guida regionali esplicative del percorso di prima certificazione dei DSA, Protocollo G1.2015.0022094 del Come rispondere alle esigenze di una classe diversificata; Dislessia Conoscerla e Viverla – Giacomo Cutrera; Lo studio della lingua straniera secondo le linee guida della legge 170; Tecnologie digitali e DSA; Vademecum DSA; Esami di Stato. Tra i fattori più comuni che comportano l’insorgenza di un BES ci sono: differenze culturali, differenze linguistiche, svantaggi culturali e/o sociali, un disturbo specifico dell’apprendimento (DSA), una disabilità fisica o mentale. n° 8 del 6 marzo 2013 l’area dei Bisogni Educativi Speciali (BES) comprende: “lo svantaggio sociale e culturale, i disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, le difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse”. Visto, però, che gli alunni riconosciuti con disabilità ex legge 104 e i DSA sono trattati in modo specifico e separato, la definizione di BES in senso stretto (a cui il prosieguo di questo articolo fa riferimento) è limitata ai bisogni educativi che non rientrano nelle due predette categorie. Sono gli studenti che hanno necessità di attenzione speciale nel corso del loro percorso scolastico per motivi diversi a volte certificati da una diagnosi ufficiale di tipo medico, bisogni permanenti o superabili grazie a interventi mirati e specifici. L’educazione Inclusiva comporta la trasformazione della Scuola per poter incontrare e rispondere alle esigenze di tutti. Il Cooperative learning deve le sue origini, verso la fine del Settecento, al sistema di mutuo insegnamento tra pari (Peer tutoring) ideato e applicato da A. Altri siti, come matematicamente.it [S22] e ouMathY [S23], propongono delle lezioni di matematica online, o addirittura dei manuali scolastici gratui-ti. Direttiva: Strumenti di intervento per alunni con BES e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica 27/12/2012 e C.M n.8 del 6 marzo 2013 FINALITA’ LA SCUOLA PER TUTTI E PER CIASCUNO ... Alunni con DSA, disturbo attentivo con o senza ipertattività, difficoltà motorie, ritardo cognitivo, [3] La l. n. 170 del 8.10.2010 riconosce la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali disturbi specifici di apprendimento, denominati “DSA”. Il dibattito sui BES di Andrea Canevaro Gb Palumboeditore UNA NUOVA SFIDA PER L'INCLUSIONE Firmata la direttiva che riconosce i "bisogni educativi speciali". Numerosi studi hanno dimostrato che spesso l’ innovazione scolastica passa attraverso i bisogni speciali dei singoli studenti. 10) E-mail e Messenger L’e-mail, ovvero la posta elettronica, è uno strumento potente che può interessare e spingere a scrivere anche i soggetti con DSA.