E' quindi un fatto che consolida l'unità ecclesiale. Le vicende giudiziarie, con la lentezza, le arbitrarietà e insensatezze burocratiche, realizzano la sua decisione di andare a Roma (19,21). Con l'andare del tempo, con l'accrescimento del numero, con l'ineguaglianza delle disposizioni religiose, con la divergenza delle opinioni., con la diversità delle condizioni sociali e delle relazioni col mondo, i mezzi di prima diverranno più miti, e la disciplina, già così severa, si farà più rilassata; e in luogo di parole che producono la morte, usciranno dalla bocca degli apostoli delle parole d'esortazione e di rimprovero, secondo il bisogno; e la scomunica temporanea, è anch'ella pronunciata di rado, diverrà l'ultimo e il più tremendo dei castighi". s=s+""; 8. ATTI Capitolo 3 . 5. 12 Molti segni e prodigi erano fatti tra il popolo per le mani degli apostoli; e tutti di comune accordo si ritrovavano sotto il portico di *Salomone. 20:5,2) non parla della morte di Giuda, ma di quella del figlio di lui; tutti e due, probabilmente, perirono nella lotta. Siamo nell’introduzione degli Atti. L'essi, soggetto del verbo, si riferisce al sommo sacerdote ed ai sadducei nominati nel vers. Questi cristiani di Samaria accettavano Gesù che aveva osato resistere al Sinedrio come i Samaritani: uno di loro. Alle ore 19.00: 21 aprile, 5 e 19 maggio; 9 e 23 giugno. S. Agostino nel libro De catechizandis rudibus, cap. Nuova Diodati (Vedi Atti 4:1). 7) che la tradizione, ci venga ella pure per la penna d'un grand'uomo come Sant'Agostino, è buona e attendibile, quando è in armonia con la Parola di Dio; ma non ha valore e non merita fede, quando non fa che aggiungere vani fronzoli ed inutili ricami alla storia evangelica. Tutto era ispirato dalla carità fraterna: nulla era imposto da leggi. if (vers=="Diodati") Quell’avvenimento è importante perché la discesa dello Spirito Santo, e tutta l’opera che ne doveva derivare «fino … Se non del tutto cristiano, Gamaliele avea respirato a pieni polmoni aure cristiane e parlava nel Sinedrio come uno che avea simpatia per gli apostoli e per le loro idee. Così adempie Cristo quello che avea già detto: Chi crede in me, le opere che fò io, le farà anch'egli, e ne farà delle maggiori di queste. versLuz=1; Il verbo ( διεπριοντο) vuol dire propriamente segare ed accenna qui ad un "laceramento dell'animo", ad una "violenta perturbazione del cuore". presentatevi nel tempio e ragionate al popolo tutte queste parole di vita!" Ma lo Spirito Santo non è dato a tutti; è dato a quelli soltanto, che ubbidiscono a Dio; dal che consegue che chi non l'ha o rifiuta d'ascoltarlo, quando gli apostoli parlano mossi da lui, è un ribelle a Dio. Che pensare della tragica fine di Anania e Saffira? Gesù invece ci offre il suo "Spirito di verità". "selected=\"selected\" ":"")+"value=\"Diodati\">Diodati"; 21 Il concistoro è il Sinedrio, la suprema corte civile ed ecclesiastica dei Giudei. Nella sua traduzione il Reuss rende il passo a questo modo: Questi (gli apostoli) si ritirarono dalla presenza del Sinedrio, felici d'aver avuto l'onore d'esser maltrattati per la causa di Dio. if (vers=="Nuova+Diodati") - Clicca qui per sapere il perché. Quando hai bisogno, Qumran ti dà una mano, sempre. Dei loro antecedenti, nulla ci è noto. Potremmo così accogliere l'altro senza giudicarlo, perché la consapevolezza delle ferite che sono alla radice dei nostri atteggiamenti negativi farà nascere in noi la compassione per le piaghe che spingono l'altro ad agire male. s=s+""; Dopo averci dato Cristo come compagno di viaggio per rivelarci l'Amore presente nelle vicende più quotidiane, ci offre "un altro Consolatore", che resti con noi per ricordarci che siamo già perdonati, salvati, accolti.Spesso ci lasciamo spaventare dal male che divampa nel mondo, da quello che gli altri possono infliggerci e, soprattutto, da quello che, in modo confuso, sentiamo in noi. 7. meglio: nel tempio e in ogni casa; nel tempio, e a casa (Vedi note Atti 2:46). Tre fatti sono qui indicati relativamente a Gamaliele: 3. era un dottor della legge; un legista; un νομοδιδασκαλος; un uomo di quelli che insegnavano la legge. Vendono; il danaro in mano, L'avarizia li tenta. Se i malati avevano la fede necessaria, Iddio certo non negava loro la guarigione per mezzo dei suoi servitori. Giuseppe Flavio (Antich. s=s+""; if (versnome=="Diodati") L'ombra sua almeno adombrasse alcun di loro. diamo una parte del danaro, e teniamoci il resto per noi!" B. C. D. H. e N) hanno soltanto per il Nome. Di lì a qualche anno, gli apostoli furono costretti ad andare di qua e di là a chieder l'elemosina per la loro chiesa di Gerusalemme Galati 2:10; e Paolo ordina da per tutto delle collette, a cotesto medesimo scopo 1Corinzi 16:1; 2Corinzi 8-9. else I copisti che non capivano cotesta espressione, vi aggiunsero il pronome (per il suo nome), riferendolo a Gesù, ch'era mentovato nel versetto precedente. 3) Rimane a studiare il Gamaliele del testo. s=s+""; 3. 17. La sola condizione imposta a chi lo desidera, è l'ubbidienza alla volontà di Dio Atti 5:32. È un miracolo che Pietro giunga a sapere che Anania mentiva; se no, Luca ci avrebbe senza dubbio detto come fu che l'apostolo venne a saperlo. La Chiesa avea pregato Iddio di "porgerle la mano" e di manifestare la sua presenza per via "di guarigioni, o di segni e di prodigi" Atti 4:30. Versione/i da visualizzare:      C.E.I./Gerusalemme Era composto di settantun membri. Aveva due presidenti, dei quali uno era il sommo sacerdote e l'altro uno dei rabbini più dotti. G li incontri si svolgeranno nei seguenti giorni alle ore 18.30: 29 ottobre 2019, 5 e 19 novembre, 3 e 17 dicembre, 7 e 21 gennaio 2020, 4 e 18 febbraio, 3 e 17 marzo. Si tratta d'una cassa comune, riccamente alimentata da doni volontari e così ben fornita, da bastare a tutti i bisogni e da fare sparire nella comunità ogni traccia d'indigenza individuale. La testimonianza degli apostoli è sempre testimonianza positiva ed ha per oggetto i grandi fatti che stanno a base del cristianesimo: 6. Con l'imposizione delle mani da parte degli apostoli, i cristiani di Samaria, che dapprima sono un gruppo relativamente autonomo, vengono più fermamente congiunti con la Chiesa di Gerusalemme. Ed e qui specialmente che la difesa di Pietro si trasforma in un vero e proprio atto d'accusa. 53, comma 1, del d. lgs. ATTI 8, 5-8 14-17Come avete sentito la lettura è tratta dagli Atti degli Apostoli. Di fatti, che avvenne? var s = ""; for (i=0; iNuova Diodati"; else Atti 5. Il Martini, difatti, nella sua nota a Atti 5:34, dice: "Gamaliele, ecc. I doni erano facoltativi, non obbligatori; e questo è chiaramente provato: 2. dalla espressione di Atti 4:32: e niuno diceva alcuna cosa di ciò ch'egli aveva esser sua; 3. dalla impossibilità di prendere alla lettera, su grande scala, quello che è detto della vendita delle case, in una città e in un tempo in cui i locatari erano molto meno numerosi dei proprietari; 4. dal fatto, che nel testo si cita un esempio isolato (quello di Barnaba Atti 4:36-37) di coteste vendite. s=s+""; Ambedue erano certo di origine giudaica. ROMA. La frode di Anania e di Saffira [1] Un uomo di nome Anania con la moglie Saffira vendette un suo podere [2]e, tenuta per sé una parte dell'importo d'accordo con la moglie, consegnò l'altra parte deponendola ai piedi degli apostoli. Ora Qumran ha bisogno di te. s=s+""; I Giudei credevano in un Cristo, in un Messia; e gli apostoli, basandosi sulle profezie, sul fatto della risurrezione e sulla discesa dello Spirito Santo, insegnavano e davano il buon annunzio che Gesù di Nazaret era appunto quel Messia nel quale essi credevano e che essi aspettavano. Giuda era uomo di focoso eloquenza e di energia disperata. È un'aggravante del delitto commesso. 28 Non vi abbiamo noi del tutto vietato ecc. La sua parola d'ordine era questa: "Il popolo non deve servire ai romani, non deve ai romani pagare alcun tributo, né ha altro padrone che Dio". Sono le solite fantasie di chi non ha alcun rispetto del testo. Il nostro amore è possibile perché è l'espressione dell'amore di Dio in noi. Ciò non è detto nel testo; ma il fatto che il discepolo di Gamaliele, Saulo di Tarso, è il primo a slanciarsi all'assalto ed a guidarvi i persecutori è pur troppo fatto eloquente. s=s+"

"; L'agir suo è in armonia perfetta con la politica del partito farisaico di cui era il capo. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi. Il metodo dunque, può esser discutibile; quello che non è discutibile, e che rimarrà sempre, nelle sacre pagine del testo, oggetto di ammirazione e d'imitazione d'ogni cristiano che non si contenti d'esser tale che di nome soltanto, è lo spirito di sacrificio, d'abnegazione, d'amor fraterno di cotesti credenti. la parola di questa vita è l'Evangelo, dottrina di salvazione e potenza di vita 2Timoteo 1:10; 1Giovanni 5:11; Giovanni 17:3. ATTI DEGLI APOSTOLI - Cap 5 Commento [1]Un uomo di nome Ananìa con la moglie Saffìra vendette un suo podere [2]e, tenuta per sé una parte dell'importo d'accordo con la moglie, consegnò l'altra parte deponendola ai piedi degli apostoli. "selected=\"selected\" ":"")+"value=\"Riveduta\">Luzzi/Riveduta"; Ci sentiamo sicuri quando la nostra maschera riesce a far paura all'altro senza renderci conto che contribuiamo così, inconsciamente, ad emarginare altre persone dal palcoscenico della società. 1. Le scienze umane ci offrono una possibilità di esprimere il nostro male lasciando la vergogna dietro la porta: paghiamo lo psicologo per essere ascoltati senza essere giudicati. 16e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, L'onnipotente Iddio, che è l'Iddio delle maravigliose vicende "dei padri" e che "con la destra potente esalta" quel Gesù che gli uomini hanno ucciso, è un Dio d'amore, che vuole non la perdizione ma la salvezza dei peccatori. Questi è il maestro dell'Apostolo Paolo Atti 22:3, e morì Cristiano, e le sue reliquie, con quelle del protomartire Stefano, di Nicodemo e di Abiba, figliuolo dello stesso Gamaliele, furono trovate dal santo sacerdote Luciano, l'anno 415, presso al borgo di Cafatgamala, discosto venti miglia da Gerusalemme". Una morte subitanea fa sempre grande impressione; ma una punizione così fulminante d'un delitto di menzogna e d'ipocrisia, si capisce quale effetto dovesse avere sulla intera comunità cristiana. 22 e ss. ( αρχηγος) Capo (Vedi Atti 3:15; Ebrei 2:10; 12:2), Colui che conduce alla vita. Nuova Diodati s=s+""; che tu la devi! Ma io voglio concedere anche più di quello che il testo mi permetta di fare. if (versnome=="Bibbia+della+Gioia") Tremila persone convertite in seguito ad un discorso! Qui poi la fretta si spiega anche pensando ai sentimenti che il fatto avea suscitati nella Chiesa, ed alla soppressione imposta dal fatto stesso, d'ogni "onoranza funebre", come diremmo noi oggi. Non estinti; che cotesti zelanti non furono completamente sterminati. Atti 19:12; Marco 5:28,34. Il Teuda del testo non può essere però quello di cui parla Giuseppe Flavio; perché ei non apparve che verso il 44; cioè, dopo la morte del re Agrippa, che è narrata in Atti 12:18-23. È così semplice e così naturale il figurarsi i più giovani fra i presenti al caso, farsi innanzi pronti e volonterosi, che ogni altra supposizione, poichè per mancanza di dati la si riduce proprio ad una mera supposizione, mi sembra per lo meno superflua. Come si fa a negare il miracolo in un fatto come questo, che è tutto avvolto, se posso dir così, in un'atmosfera miracolosa? La testimonianza apostolica a cui s'appoggia la nostra fede come il debole stelo alla querce secolare, non è soltanto testimonianza d'uomini; ma è una testimonianza umana, illuminata, corroborata e resa divinamente autorevole dallo Spirito Santo Atti 5:32. Il fatto è chiaro. Ed essendo venduta non era ella in tuo potere? Qui ci sono dei link al commentario di ogni capitolo del libro di Atti. 2. Secondo la leggenda di Luciano, prete di Siria (leggenda accettata da Agostino), Gamaliele avrebbe seppellito Stefano ed altri cristiani; e poi sarebbe egli stesso stato sepolto a Cafar-algama, nel luogo stesso ove riposavano i resti mortali di Stefano e di Nicodemo (Agost. Niente affatto; non si tratta d'altro, che di una larga applicazione del principio della carità. Ma si sa che nell'ebraico rabbinico, il nome, così senz'altra aggiunta, è modo usitatissimo a designare Iddio; quell'Iddio, il cui nome proprio (Jahveh) gli ebrei facean di tutto per "non pronunciare". «15Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; 1 - Atti 1, 1-3 if (vers=="Riveduta") Chiudi La politica "dell'aspettare" non è politica del regno di Dio; il regno di Dio ha bisogno di gente generosa, eroica, d'azione. s=s+""; if (versnome=="Riveduta") E ancora; un legista così illustre come Gamaliele dovette necessariamente essere in più o meno stretta relazione col collega Nicodemo: e non si può egli ammettere che la progressiva conversione ed il modo di procedere di Nicodemo (ricordato in Giovanni 7:50-51) avessero qualche influenza sul carattere morale e sul modo di procedere di Gamaliele? Di fronte al terapista accettiamo di ritrovarci nella nostra radicale povertà, dipendenti, ma anche liberati.Gesù l'aveva ben dichiarato che la verità libera. L’accesso documentale agli atti della fase esecutiva è ammesso espressamente dallo stesso art. 9. es. Davano il guadagno agli apostoli che davano denaro ai bisognosi. Luca ci dice che Giuda perì nella ribellione: Giuseppe Flavio (Antich. Il compito dello Spirito Santo è di liberarci dal particolare, non dalla realtà concreta, ma ci mette in comunicazione con tutto il mondo, con tutti gli al di là delle cortine di ferro, non solo politiche ma anche spirituali: pensate alla cortina tra cristianesimo e Islam, agli odi contro il mondo Giudaico, alla lontananza dai buddisti e induisti.Lo Spirito porta oltre le cortine, la fede in Gesù deve sapersi combinare con tutte le culture, con tutti i problemi dell'uomo.La comunità cristiana di Gerusalemme, dopo aver sentito l'adesione al Vangelo da parte dei Samaritani, manda in Samaria Pietro e Giovanni, che impongono le mani a quelli che hanno ricevuto il battesimo, perché ricevano il dono dello Spirito. In questo contesto egli introduce due “sommari” riguardanti la comunità di questa città (2,42-48; 4,32-35). Giovanni 12:42-43 Ed è probabile che anch'egli, come Giuseppe d'Arimatea, "non acconsentisse al consiglio, ne all'atto del Sinedrio" Luca 23:51 che Caiafa avea convocato per il processo di Gesù. s=s+"